Diventa socio
Sostieni la nostra attività Contatti

 

Cerca per parola chiave
 

 

Autori

 

Ci sono 1720 persone collegate

 

\\ Home Page articoli : Articolo
Spaghetticons. La deriva neoconservatrice della destra cattolica. La recensione di Carlo Gambescia
Di Bernardo - 26/06/2008 - Attualità - 1805 visite - 0 commenti

Come promesso in un precedente post, ecco a voi una recensione del bellissimo libro di Luigi Copertino Spaghetticons. La deriva neoconservatrice della destra cattolica. Ho pensato di proporre non una recensione inedita, ma quella - ottima - apparsa giovedì 19 giugno 2008 sull'interessante sito carlogambesciametapolitics ad opera appunto del sociologo Carlo Gambescia. Buona lettura.


Il libro della settimana: Luigi Copertino, Spaghetticons. La deriva neoconservatrice della destra cattolica italiana, Il Cerchio Iniziative Editoriali, Rimini 2008, pp. 204, euro 18,00 - info@ilcerchio.it


Si fa presto a dire cattolici neoconservatori… In realtà si tratta di un movimento molto articolato. Benché, qui in Italia, attualmente, il discrimine sia rappresentato dalla posizione assunta verso il neoconservatorismo americano di “impronta” cattolica. Semplificando, quello impersonato da Michael Novak e da Russell Kirk, autore il primo dell’Etica cattolica e lo spirito del capitalismo (trad. it. Einaudi 1999), in cui si celebrano le nozze tra cattolicesimo e mercato. Mentre al secondo, Kirk, dobbiamo Le radici dell’ordine americano. La tradizione europea nei valori del Nuovo Mondo (trad. it. Mondadori 1996), dove invece convolano a nozze Platone, il cattolicesimo medievale e i padri costituenti americani.

Ecco, in sintesi, i tre i punti critici che separano, al suo interno, la destra cattolica italiana. Le cui non folte schiere possono essere divise, a grandi linee, tra filoamericani e antiamericani.

Il primo è quello dell’identificazione, in nome dell’Occidente, fra Stati Uniti ed Europa. Sorvolando però, a detta degli antiamericani, su un dettaglio storico non secondario: quello della Riforma Protestante, profondamente anticattolica.

Il secondo è quello dello scontro di civiltà, sollevato da Huntington, e rinfocolatosi, in chiave anti-islamica, dopo l’attentato alle Torri Gemelli e negli anni della Presidenza di Bush jr. Celebrato dai filoamericani il “Nuovo Crociato”.

Il terzo è quello del capitalismo “globalizzatore”. Per i filoamericani sarebbe il vero “motore” delle libertà cristiane. Mentre per gli antiamericani solo un odioso rullo compressore. Di qui il diverso giudizio sul ruolo economico dello Stato: fonte di sprechi per i primi; sorgente di sostegno sociale per i secondi.

Il lettore si sarà accorto che non abbiamo fatto ancora nomi e cognomi. Per una ragione molto semplice: perché li fa Luigi Copertino, giornalista pubblicista e capace studioso del tradizionalismo cattolico italiano. E in un libro brillantemente prefato da Franco Cardini, il cui sarcastico titolo è tutto un programma: Spaghetticons. Le deriva neoconservatrice della destra cattolica italiana (Il Cerchio Iniziative Editoriali, Rimini 2008, pp. 204, euro 18,00).

Va ricordato che Copertino è un “osservatore partecipante”. Nel senso che non nasconde il suo tradizionalismo e neppure la diffidenza verso il “Crociato Bush”. Tuttavia il libro non ne risente più di tanto. Come nota Franco Cardini nella bella prefazione, Luigi Copertino è “andato con pazienza alla ricerca delle tracce e delle prove” lasciate da certo cattolicesimo a stelle e strisce in salsa italiana. Aiutandoci a scoprire l’alto prezzo pagato per “questi passaggi sull’auto del vincitore” le cui “poltroncine e… strapuntini… costano salati”. Il punto è sapere, conclude Cardini, “se quell’autobus, che attualmente sembra arrivato a un capolinea. Farà un’altra corsa, e imbarcherà ancora i medesimi passeggeri , se il manovratore avrà ancora bisogno dei loro consigli teologico-politici o si rivolgerà ad altri”.

Adesso però bisogna fare qualche nome. Copertino, oltre a tracciare un esauriente ritratto dei neoconservatori americani, cattolici o meno, già abbastanza studiati in Italia (e sul quale perciò sorvoliamo), dedica pagine molto interessanti al cattolicesimo conservatore italiano pro-Bush, ben incarnato da eruditissimi teologi d’assalto come Gianni Baget Bozzo, e da certo giornalismo “ateo devoto”, targato Giuliano Ferrara.

Osserva Copertino: “ Certa destra cattolica, da Alleanza Cattolica a Comunione e Liberazione, dalla Associazione Tradizione Famiglia e Proprietà al Centro Culturale Lepanto, dai cattolici padani alla Borghezio al variegato mondo del tradizionalismo legittimista che confonde federalismo transnazionale e reticolare con la presunta restaurazione dei corpi intermedi dell’antica Cristianianità, guarda agli Stati Uniti… come al nuovo impero romano che la Chiesa dovrebbe battezzare come proprio ‘braccio secolare’. Gli Stati Uniti sarebbero, in tale prospettiva, il Nuovo Cesare provvidenzialmente suscitato da Dio per il trionfo del cristianesimo nel mondo” .

Sappiamo di metterla sul complicato, ma il lettore deve sapere che Copertino ragiona in termini piuttosto alti di teologia e storia delle idee. Il che però spiega la sua tesi che dietro la scelta del cattolicesimo neoconservatore italiano di sposare la prospettiva americana vi sia “la sottovalutazione delle radici protestanti dell’ordine americano”. Un errore madornale che esporrebbe “l’infatuata destra cattolica alla sostanziale accettazione dell’antropologia negativa, della sociologia contrattualista e del decisionismo ‘imperiale’ che caratterizza l’ideologia neocon statunitense, filiazione diretta della linea Lutero-Calvino-Hobbes-Schmitt che è la linea del pessimismo cosmico-antropologico”. Una corrente “contrapposta dialetticamente a quella dell’ottimismo cosmico antropologico Kant-Rousseau-Marx-Popper della quale è erede al sinistra liberal”.

Due linee ideali, prosegue Copertino, “che nascono certamente in Europa lungo i secoli del processo di scristianizzazione del vecchio continente, ma come variabili contrapposte e complementari”, all’interno del “pensiero politico moderno dell’immanentismo ateo. Ed è in esse che “l’ordine americano sia nella declinazione conservatrice che il quella liberal ha le sue radici”.

Insomma, semplificando, il neoconservatore cattolico che sposa le ragioni, dell’unità culturale euro-americana, dello scontro di civiltà e della necessità di una crescente globalizzazione capitalistica, accetta di muoversi idealmente in un contesto di tipo non cattolico ma protestante. E soprattutto all’interno di una visione individualistica in cui è l’uomo, materialmente, a farsi mondo, relegando Dio nell’ angolo.

Si dirà che l’impostazione di Copertino risale al pensiero controrivoluzionario dei Bonald, dei de Maistre, eccetera. Dunque nulla di nuovo. Tuttavia, l’autore applicandola agli “Spaghetticons”, mostra come in certi “atei devoti” alla Giuliano Ferrara, la religione cattolica sia esclusivamente considerata strumento di controllo sociale. Secondo una visione - ecco il punto - completamente secolarizzata del sociale di origine protestante, in cui ordine sociale religioso e morale sono identificati con le istituzioni esistenti del capitalismo americano. Il che rivela - facendo un passo ulteriore rispetto alla lezione controrivoluzionaria - come dietro il “liberalismo cattolico” dell’ateo devoto del dare a Cesare quel che è di Cesare, si nasconda, in realtà, un bruciare incenso sull’ara del Cesare americano, come supremo tutore dell’ordine politico e soprattutto economico.

Venendo infine ai rapporti con l’Islam, le tesi da “colomba” di Copertino sono condivisibili sotto l’aspetto storico e culturale. Dal momento che è storicamente giusto sostenere come le affinità culturali tra cristianesimo e Islam, proprio perché di lunga data, continuino a garantire una migliore conoscenza reciproca. E di riflesso, pur tra gli alti e bassi della storia, la possibilità di un’accettabile convivenza tra i due mondi: Cristianesimo e Islam, avrebbero, insomma, le carte in regola per intendersi, come del resto sostiene uno storico del calibro di Franco Cardini.

Tuttavia, sul versante politico immediato, potrebbero aver ragione i catto-conservatori filoamericani. Dal momento che ai cattolici, come Copertino, che in verità non sono molti ( e ai quali magari si potrebbe dedicare un altro libro, più piccolo…), è finora mancata una sponda politica “forte”, sia in Italia e in Europa che nel mondo Islamico. Di qui la necessità di una scelta “prudenziale”, come sostengono i filoamericani, in favore degli Usa.

In conclusione, i cattolici alla Copertino sperano nella ragioni profonde della storia, gli “Spaghetticons” in quelle, più a breve termine della politica. E tutti insieme si appellano a Dio. Che probabilmente è in tutt’altre faccende affaccendato.

 
Nessun commento trovato.

I commenti sono disabilitati.