Diventa socio
Sostieni la nostra attività Contatti

 

Cerca per parola chiave
 

 

Autori

 

Ci sono 2320 persone collegate

 

\\ Home Page articoli : Articolo
Nuovi reati.
Di Caius - 07/12/2007 - Attualità - 960 visite - 0 commenti

I comunisti sono rimasti orfani dei lavoratori, di cui non si preoccupano più da circa vent'anni...A dettare la linea non è più Marx, nè i sindacati, ma Luxuria e Grillini...

Ieri "all’ombra dell’imperiosa e ultimativa richiesta di serrare le fila recapitata ieri dal governo alla coalizione di centrosinistra si è fatta passare una decisione squassante, che altrimenti non sarebbe stata assunta dal Senato della Repubblica. Il «decreto sicurezza» è, infatti, incredibilmente diventato il cavallo di Troia con cui far passare di forza – e, al tempo stesso, con insidiosa vaghezza – nel nostro ordinamento un nuovo reato anche d’opinione: la discriminazione fondata sulle «tendenze sessuali», quasi che queste avessero una 'qualità' paragonabile alla razza o all’origine etnica. Nonostante le infuocate rassicurazioni del senatore Latorre, si tratta di un nuovo reato per il quale – a discrezione di qualche giudice – potrebbe essere condannato addirittura fino a tre anni chi si esprimesse contro l’adozione di un bimbo da parte di persone dello stesso sesso. E questo risultato – visto che si era in extremis rinunciato a ricorrere alla formula dell’«identità di genere» – è stato pure presentato come una «mediazione», che se tale fosse stata si sarebbe semplicemente qualificata come vergognosa. In realtà, era a tutti gli effetti una calcolata operazione ideologica di scardinamento del sistema sociale. Al quale noi, per la nostra parte, non possiamo consentire. Lo diremo più chiaramente domani" (Avvenire di oggi)

 
Nessun commento trovato.

I commenti sono disabilitati.