Diventa socio
Sostieni la nostra attivitą Contatti

 

Cerca per parola chiave
 

 

Autori

 

Ci sono 565 persone collegate

 

\\ Home Page articoli : Articolo
E Bersani, cosa fa?
Di Caius - 10/11/2011 - Politica - 1079 visite - 0 commenti

Berlusconi è caduto. Dopo 17 anni era quasi fisiologico. Troppo logoranti sono stati questi anni per il paese. Troppi processi, troppi scandali, troppo ipocrisia.

Da una parte un uomo non certo integerrimo: dall'altra la sinistra, preponderante come forza d'urto, come forza mediatica, nel paese; una sinistra che ha sfornato centinaia di libri, di denunce, di manifestazioni apocalittiche....

Gioisco: mi chiedo cosa diranno, negli anni a venire, quei media di sinistra che hanno vissuto per quasi due decenni identificando il Male assoluto con un uomo. Riducendolo all'incarnazione più completa di quel Satana cui non credono. Nella più pura tradizione bolscevica.

Di cosa parleranno ora che dovranno proporre non solo facili "no", ma dei programmi? Cosa diranno ora che non possono più limitarsi ad abbaiare contro il Nemico, ma dovranno governare? Cosa diranno ora che il mitico Draghi, di cui erano amicissimi sino a ieri, chiederà a loro quello che ha chiesto a Berlusconi? Cosa diranno della mitica Europa, sino a ieri sempre sacra, che vuole licenziamenti, avanzamento dell'età pensionabile...?

Cosa diranno dell'asse franco-tedesco e della sempre perfida Albione, che hanno sempre lodato sinchè serviva ad umiliare B. (e l'Italia), quando l'asse franco tedesco e la perfida Albione continueranno con il loro snobbismo stupido e ottuso nei confronti del nostro paese?

Con chi si sfogheranno, a breve, per non aver preso le redini del paese nel 1994 all'epoca del golpe giudiziario di Tangentopoli? Berlusconi sarà solo un ricordo, su cui forse potranno vivere ancora di rendita per un po', ma poi occorrerà creare un altro nemico...

Ma intanto il disco rotto di Bersani cosa fa? Ha chiesto le dimissioni per 3 anni; non ha fatto altro che questo; ha vissuto di battute scontate sulle gaffes vere e presunte del premier, e ora che potrebbe andare all'incasso, ora che potrebbe andare a vincere le elezioni subito, seguendo B. nella richiesta di elezioni anticipate, dove è Bersani?

Perchè è già chiaro che, succube  della regia di Napolitano, vuole affidarsi ad un governo tecnico: guidato dal sempiterno burocrate mai eletto dal popolo.

Se B. vuole le elezioni e Bersani le volesse, il discorso sarebbe chiuso. Bersani e Pd al governo.

Allora, che Bersani abbia paura, in verità di governare? O che sia solo la sudditanza della sinistra verso i poteri forti (che in fondo non amano neppure lui, o non lo ritengono all'altezza)?

La sinistra che cerca i banchieri,senza i quali in Italia quasi non esisterebbe; che investe su Bazoli,o su Profumo, o su Passera, o su Monti, non sembra sappia cosa farsene di ....Bersani. Che fine ingloriosa. Fa quasi più pena lui, di Berlusconi. Ha urlato tanto, per nulla. Gli passerà davanti un Ciampi qualsiasi, un Dini, un Monti, uno dei tanti che qualcuno impone da fuori. Che viene da una banca, da un circolo esclusivo...

O sbaglio tutto?

 
Nessun commento trovato.

I commenti sono disabilitati.