Diventa socio
Sostieni la nostra attivitą Contatti

 

Cerca per parola chiave
 

 

Autori

 

Ci sono 2208 persone collegate

 

\\ Home Page articoli : Articolo
"Qui Radio Londra"
Di Giulia Tanel - 24/03/2011 - Attualitą - 1248 visite - 0 commenti
ON AIR: “Parla Londra – Trasmettiamo alcuni messaggi speciali”

Quando: Tutte le sere
Ora: 20.30
Dove: Ovunque ci sia un apparecchio televisivo
Oggetto: Ferrara (“Ferrara?”, interrogherà qualcuno. Sì, Ferrara: Giulianone, l’Elefantino) e il suo nuovo programma Qui Radio Londra.

Giuliano Ferrara, direttore de Il Foglio, da un paio di settimane ha cominciato una nuova avventura. Ogni sera entra nella case degli italiani, subito dopo la fine del Tg1 delle 20.00, per donare cinque minuti di qualità ad un palinsesto televisivo che, ordinariamente, fornisce ben pochi programmi degni di essere visti. Dimostrazione lampante del fatto che un TV migliore sarebbe possibile: chi ha orecchie per intendere, intenda…

Nello spot di presentazione del programma Ferrara diceva: “Mi sono rifugiato all’estero per parlare male in piena libertà di Garibaldi, di Berlusconi, di Napolitano, del governo, delle opposizioni, dei magistrati e del papa. No, il papa no. Sono un tipaccio, ma… devoto.”

Questo appello programmatico è stato, per ora, pienamente rispettato.
L’Elefantino ha infatti parlato di Ruby, del Giappone, dell’unità d’Italia, della guerra in Libia, dei magistrati e perfino di Santoro: gli ha chiesto di scusarsi con i suoi telespettatori per aver ospitato nel suo programma l’ex pm Luigi De Magistris che – a detta di Ferrara – è tutto fuorché una persona che sa fare il suo mestiere. Staremo a vedere se questa sera il buon Michele, durante la sua puntata di Annozero, farà allusioni alla strana richiesta di Giulianone…

Le parole del cortometraggio pubblicitario sono state rispettate anche nella loro parte finale: “Sono un tipaccio, ma… devoto”.
Ebbene sì, Ferrara è proprio un tipaccio: o lo stima, o lo si odia; non è una persona che può rimanere indifferente. E’ vero, ogni tanto le spara un po’ più grosse del dovuto, ma non si può negare che la sua arguzia intellettuale è sopraffina.
Un’altra caratteristica molto positiva del capo dei Foglianti è quella di non essere succube di alcuna ideologia: le sue posizioni sono sempre razionalmente giustificabili. E’ un pensatore libero (…anche troppo, a detta di Antonio Socci).

Dopo appena due settimane di trasmissione, quindi, il bilancio di Qui Radio Londra risulta essere più che positivo. Inoltre, se una sera non si riesce a seguire la diretta, il giorno dopo sul sito on-line del Foglio è possibile rivedere la puntata.

A questo punto, il sogno nascosto di molti cattolici “ferrariani” rimane solo quello che l’Elefantino – magari proprio in una delle puntate più prossime alla Pasqua – annunci la sua conversione… ma, “Dio vede e provvede”.

“Parla Londra – Abbiamo trasmesso alcuni messaggi speciali”
 
Nessun commento trovato.

I commenti sono disabilitati.