Diventa socio
Sostieni la nostra attivitą Contatti

 

Cerca per parola chiave
 

 

Autori

 

Ci sono 1353 persone collegate

 

\\ Home Page articoli : Articolo
Ru 486. In Trentino un triste primato
Di Walter Viola - 13/03/2007 - Bioetica - 1313 visite - 0 commenti
Il recente plauso con cui è stato salutato l’uso nella sanità trentina della cosiddetta Ru 486 mi ha fortemente incuriosito. Certamente ribadisco la mia netta contrarietà a tale pratica, ma mi è sembrato opportuno e anche doveroso cercare di saperne di più. Non è facile addentrarsi in tematiche di tal fatta, ma ritengo che le valutazioni e la documentazione che ho trovato sull’argomento, sebbene non certo esaustive, possano essere un utile contributo per rendersi conto di cosa si tratta. Dunque il nostro sistema sanitario detiene un primato nel campo dell’aborto chimico. In pochi mesi sono stati realizzati 100 aborti con l’ormai famosa Ru 486. Un risultato non da poco per la nostra sanità che continua ad importare questo farmaco dalla Francia. Perché? Perché la Ru 486 non è registrata in Italia, in quanto la casa produttrice non ne ha mai fatto richiesta, e c’è il timore che la pillola abortiva non supererebbe tutte le sperimentazioni richieste nel nostro Paese, tanto con un governo di centro destra quanto con uno di centro sinistra, da cui è appena arrivato un ulteriore stop agli entusiasmi. Non si riesce a trovare nessuno disposto a produrre la Ru486, e la casa che l’ha inventata ha addirittura ceduto gratuitamente i diritti, perché la “pillola” non è affatto innocua e indolore come si vuol far credere. Infatti anche negli Usa è stata approvata dalla Food and Drug Adiministration (Fda) con un escamotage: presentarla come un farmaco salvavita, per il quale sono ammessi anche effetti collaterali molto gravi. Oggi la Ru 486 negli States è sottoposta a continue critiche: porta una banda nera ed è dotata di un bugiardino che mette chiaramente in guardia da numerosi effetti collaterali (tra l’altro vieta l’utilizzo della pillola per chi abiti lontano da un ospedale o non sappia guidare: infatti è frequente il caso di improvvise emorragie). Infatti la Fda ha dovuto ammettere numerosi casi di morte in seguito all’uso di tale pillola: il caso più famoso è quello di Holly Patterson, una ragazza minorenne che ingerì la pillola, credendo che fosse la cosa più facile del mondo, e ci rimase. Da allora, nella sola California, sono venuti alla luce almeno 5 casi di morte, a cui se ne sono aggiunti molti altri. Si ricorda anche la morte di un’altra giovane, la figlia del dottor Sicard, la più alta autorità di bioetica in Francia. Del resto basta recarsi nel sito americano della Fda per constatare quanto detto. Oppure si può visitare il sito della Danco, l’industria farmaceutica che produce la pillola, per trovare oltre 600 testimonianze di donne che ne denunciano gli effetti collaterali: si va dalle emorragie al vomito, agli aumenti della pressione ai dolori e crampi addominali fino alle infezioni pelviche o genitali. Talvolta la Ru 486 fallisce rendendo così obbligatorio anche l’intervento chirurgico. Il farmaco mette inoltre a rischio la possibilità di gravidanze future. Desta quantomeno forti perplessità pensare che un veleno potente al punto da uccidere un embrione già formato, non abbia controindicazioni per la donna, che quel veleno riceve. Una delle riviste più autorevoli in campo medico, il New England Journal of Medicine, ha dimostrato con una ricerca del 2005 che, a parità di età gestazionale, la mortalità della donna per aborto con Ru 486 è ben dieci volte superiore rispetto a quella con tecnica chirurgica. Non è difficile da capire: mentre l’intervento chirurgico, che dal punto di vista morale è assolutamente equivalente, dura una sola seduta, nel caso dell’aborto chimico si richiede che la donna assuma la Ru 486 in presenza del medico, poi dopo 24 ore ritornerà in clinica per assumere la prostaglandina, e quindi nella maggior parte dei casi dopo 12-24 ore avrà violente contrazioni uterine che espelleranno l’embrione dall’utero. Il protocollo seguito per l’aborto chimico richiede molti più incontri tra il personale sanitario e la donna rispetto a quello chirurgico, la permanenza in ospedale per almeno tre giorni consecutivi e una vista di controllo al quattordicesimo giorno. Concludo avvertendo che questo non è, come sicuramente qualcuno mi rinfaccerà, facile “terrorismo psicologico”, ma un semplice attenersi alla realtà dei fatti e dei dati. Si enfatizzano spesso, per tutelare la salute e l’ambiente dall’immissione di sostanze innaturali, i principio di prevenzione e precauzione. Giustissimo. Questa della pillola Ru 486 è un’ottima opportunità, considerata anche l’autonomia del Trentino, per applicarli.
 
Nessun commento trovato.

I commenti sono disabilitati.