Diventa socio
Sostieni la nostra attivitą Contatti

 

Cerca per parola chiave
 

 

Autori

 

Ci sono 809 persone collegate

 

\\ Home Page articoli : Articolo
I disobbedienti neo-bolscevichi
Di Gianburrasca - 20/04/2007 - Attualitą - 1679 visite - 0 commenti

Domani marcerà su Trento un branco di scalmanati decisi a rivedicare il pieno diritto di un immobile di proprietà dell'opera universitaria da loro già indebitamente occupato. Si autodefiniscono disobbedienti perché non hanno rispetto di niente, specie delle cose degli altri e di tutti, come la democrazia, le istituzioni, le pompe di benzina, le strade, i muri delle case e dei palazzi più belli, le vetrine, ecc.. Dove passano imbrattano o distruggono perché così piace a loro.

Sono amatissimi dai giornali che riservano pagine piene di simpatia a questi paladini della pace e dei diritti (vale a dire qualunque cosa vogliano per se stessi) imposti con la forza.

Per rassicurare i commercianti della città circa il carattere pacifico della manifestazione, alcuni di loro hanno distribuito ieri fiori di camomilla a chi aveva espresso qualche timore per i danni che l'orda barbarica potrebbe causare ai negozi davanti ai quali transiterà.

Due sole osservazioni: 1. la camomilla dovrebbero bersela i disubbidienti e a dosi massicce perché gli unici esagitati sono loro; 2. se nè il comune nè le forze dell'ordine cacceranno subito a calci in culo questi fancazzisti dall'edificio pubblico illegalmente occupato, dovremo prepararci a difendere le nostre case da questi fanatici neo-bolscevichi, perché il loro prossimo passo sarà il sequestro delle proprietà private (solo quelle altrui, naturalmente).

 
Nessun commento trovato.

I commenti sono disabilitati.